Tag storia

Nunzia

I pennacchi di fumo si innalzavano densi nell’aria rarefatta delle mattine d’inverno quando un’ utilitaria scorreva tra i silenzi del borgo accarezzando la salita della Clemenza che avrebbe portato Nunzia a condividere abbracci e sorrisi, pronta ad animare le giornate…

Antonio. “U’ Talian’ “.

‘ Lo stridore del portone che si apriva puntualmente alle otto del mattino per accogliere i bambini le cui voci si levavano contro il cielo plumbeo, annunciava Antonio, per tutti “U’ Talian”, l’Italiano, collaboratore scolastico che sembrava uscito fuori da…

Giuseppe

Giuseppe non si svegliava mai malinconico, la sua luminosa faccia era la prima istantanea del giorno quando i colori del grigio sfumavano in brillanti riflessi e le sue emozioni si affusolavano nella foschia delle prime ore del mattino mentre il…

Storie per ragazzi: La Chiamata degli Eroi 1° Parte

  Eroi   Il giorno arrivò. L’Uomo colla diede un’un occhiata distratta all’enorme salone e il suo sguardo andò a perdersi tra gli accesi colori che caratterizzavano gli abiti indossati da coloro che avevano l’onore di far parte del secondo…

Fiabe ecologiche: La Vecchia Quercia

  In una città devastata dal cemento, dove i vialetti alberati erano solo un antico ricordo e i pochi parchi ospitavano ormai solo scheletri spogli pronti a capitolare ai primi venti d’autunno, in uno degli ultimi angoli verdi in fondo…

Leggende in dialetto: La grotta. A’ grott’

A’ grott’ M’chel er nù pastor cà t’nia ott figl’ e ogni juorn avia vrè cum’ avia fa p’ l’ rà ra magnà. Ropp rà  uerr’ mancav tutt e certi vot a muglier’ l’ facia’h truvà n’tavul’ na mnestr’ ca…

IL libro di Novembre: La confraternita dell’uva

La confraternita dell’uva, pubblicato per la prima volta nel 1974 è destinato a diventare, assieme a Chiedi alla polvere, il libro piú letto di John Fante. Al centro si erge massiccia, granitica, ingombrante la figura del padre, il vecchio tirannico…

Leggende in dialetto: Il Morto. “U’muort”.

  Angluzz ier muort n’dù suonn nà nott r’ viern. Ier’ ancor giov’n e p’nzav r’ campà tant’ann . Na ser’, a figl’, mentr m’ttia’h a post a robba sua, s’ s’nti’h r’ chiamà rà stanz u’ lat’, s’afaccia’h ma…

Leggende in dialetto: La strega “A stre’h”.

A stre’h N’da nu vosh’ch’ scur n’g’ stav’ na femm’n ca  n’sciun’ avvcnav’ p’cché er’ na stre’h’. Canuscia’h ù riavul’ e ndò passav’ tutt’attuorn a iedd’ muria’h e r’vntava fridd. Quann iera nott, trasia’h n’dì cas’ e s’ purtav’ i…