Leggende in dialetto: il cane. U’ can’

M’chel er nù grann’ fat’hator’ e tutt quant u scienn’ truvenn’ p’cchè rav’ na man’ a gent ca t’nia b’suogn’. Nu juorn u’ chiama’h na v’cchiaredd cà t’nia rà s’stma’h nù poc’ r’ robb. M’chel s’acc’ri’h r’ fati’h e avia’h quas’ f’rnut’ quann nà tehu’l l’ cari’h n’gap e u fec’ carè n’derr. Venn ’u’ mier’ch e ress ca era muort e allor’ u’ m’ttenn’ n’da casch’ e u’ purtenn’ a n’fussà. Passa’h na nott’e nu juorn e u’ muort s’ sv’glia’h. S’ truva’h u scur’ e accumncia’h a alluccà ma nsciun’ u’ s’ntia’h. U’ campsantier’ er luntan e s’mbrav’ ca’ l’ari’h stav’ f’rnenn’. A’ muglier’ a’ nott’ prim’ s’avia’h sunnat’ ca u’ marit’ a chiamav’ e allor’ p’nza’h r scì a purtà nu lumin’, ma arr’va’h just quann M’chel s’era straqquat’ e pur jedd’ nù s’nti’h nient. Er’ quas’ arr’vat’ u’ canciedd’ quann nù can jang l’ sci’h v’cin e l’ muzzuca’h a honn pà t’rà. A cr’stian’ s’ spavnta’h ma u’ can’ jer’ nu tip n’zist e nunn a lassav’. Ropp nu poc r’ tiemp s’alluntana’h e accumncia’h a abbajà mentr’ a uardav. S’mbrav’ ca a chiamav’ e allor’ a femm’n p’nza’h r’ l’ scì appriess, accussì s’ truva’h n’anz a foss’ rù marit, u can’ s’ m’tti’h a scavà e a c’rstian’ chiama’h u’ campsantier’ p’ nù à caccià. Ma appen’ u uardian’ s’avv’cna’h fec’ a faccia jang. U’ muort’ stav parlenn’ e chiamav prop’r a idd’. Ropp’ nù poc M’chel’ abbrazzav’ cu’ v’stit’ buon a muglier’ e ra quiddu juorn camm’na’h semp’ u’ mienz’ ra vi’h p’ paur’ r’ ess’ accuot’ rà n’irm’c.
Il cane.
Michele era un gran lavoratore, tutti lo cercavano perché dava una mano alle persone che avevano bisogno. Un giorno lo chiamò una vecchietta che doveva sistemare del materiale. Michele si ammazzò di fatica, aveva quasi terminato, quando una tegola lo colpì in testa facendolo stramazzare in terra. Giunse il medico e ne constatò la morte, quindi lo sistemarono nella cassa e lo seppellirono. Trascorsero una notte e un giorno, quindi il morto si risvegliò. Cominciò ad urlare nel buio ma nessuno ne sentiva i lamenti. Il guardiano del cimitero si trovava lontano e l’aria stava per finire. Sua moglie, la notte prima aveva sognato che il marito la chiamava, allora pensò di portare un lumino sulla tomba, ma il destino volle che arrivasse quando Michele si era stancato di urlare, cosicché non lo sentì. Era quasi giunta al cancello quando un cane bianco gli si avvicinò mordendogli la gonna, tirandola verso di sé. La donna si impaurì ma il cane insisteva e non mollava la presa. Dopo qualche minuto si allontanò iniziando ad abbaiare mentre non gli distoglieva lo sguardo di dosso. Sembrava la chiamasse, quindi la donna prese la decisione di seguirlo trovandosi nuovamente accanto alla fossa dove si trovava il marito, il cane allora si mise a scavare e prontamente la donna si rivolse al guardiano per scacciarlo. Ma appena quest’ultimo gli si avvicinò, sbiancò in volto. Il morto lo stava chiamando. Dopo qualche minuto Michele abbracciava, col vestito buono, la moglie e da quel giorno camminò sempre a centro strada per paura di essere colpito da qualche tegola.

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter

Leave a Reply