17 Gennaio Giornata Nazionale del dialetto: Leggende in dialetto: Il Cinghiale – U’ cinghial’

Pepp’ e Rusin’ stav’n for’ e passav’n i jurnat’ a fa l’uort’. Tnienn’ nu poc’ r’ tutt e campav’n cù quidd ca riuscienn’ a accogl’h. Quidd’ann u’ p’tazz’ l’ stav renn’ parecch’ robb’ e aspttav’n sul’ u’ mument’ p’ fa nà bell accot’. Avienn pn’zat’ r’ accum’ncià ropp’ qualch’ juorn ma avenn’ nà sorpres’ cà i fec’ chiang’. A nott’ prim’nù cinghial’ s’ avia’h magnat’ a’ robb’ ruvnenn’ tutt’ cos’. Pepp’ er’ scuraggiat’ e allor’ p’nza’h ru’ sparà p’ su luà rà nanz’, accussì piglia’h u’ fucil’ e s’avvia’h vers a’ muntagn’. Ma fec’ sul’ poca via cà s’ truva’h an’mal n’anz. Nù fec’ a tiemp r’ piglià u’ fucil’, allor’ l’ sci’h dret’ pù piglià a sacres’ ma u’ cinghial’ s’er f’rmat n’dà na cunett’ e s’mbrav’ cà u’ stav’ asp’ttenn’. Pepp’ s’avv’cna’h p’ piglià a mir’ pront’ a curcà u’ puorc. P’ nu’ mument’ s’ res’ cont ca an’mal’ u’ uardav mentr’ scavav’ n’dù fuoss, avascia’h a’ cap’, s’ m’tti’h mocch na cos’ e po’ s’ purta’h vers r’ idd’. Fec’ carè ra lengu’h nù sold, r’ quidd antich, ca usav’n i roman, e l’fec’ segn’ ca cap’ r’ s’ ch’cà pù r’cogl’h. Pepp’ s’ fec’ u’ segn’ ra croc’, nun’g putia’h crer’, quiddu sold er’ r’ or. U’ cinghial’ alor’ sci’h nata vot vers’ u’ fuoss e scava’h ancor natu poc’, po’ s’ n’ turna’h n’dù vosch. U’ cr’stian vri’h ca avia’h cacciat’ ati sold, si piglia’h e ra quiddu mument idd e u cinghial’ rv’ntenn’ grand’ amic’, tant’ ca l’ fec’ n’uort tutt p’ idd’.
Peppe e Rosina abitavano in campagna e trascorrevano le giornate a coltivare l’orto. Avevano piantato un po’ di tutto e vivevano con ciò che riuscivano a raccogliere. Quell’anno il terreno gli stava regalando molti prodotti e aspettavano solo il momento per fare un bel raccolto. Pensavano di iniziare dopo qualche giorno ma ebbero una sorpresa che li fece piangere. La notte prima un cinghiale aveva banchettato nell’orto, rovinando tutto. Peppe era scoraggiato e allora pensò di ucciderlo per eliminarlo di torno,così imbracciò il fucile e si avviò verso la montagna. Ma riuscì a fare solo poco strada poiché si trovò l’animale davanti. Non fece in tempo a impugnare il fucile,quindi lo seguì per colpirlo di nascosto ma intanto il cinghiale si era fermato sul limitare di una cunetta e sembrava lo stesse aspettando. Peppe gli si avvicinò pronto a are fuoco per ammazzarlo. Per un attimo si accorse che l’animale lo guardava e, mentre scavava nel fosso, abbassò la testa per mettersi in bocca qualcosa, quindi si portò verso di lui. Gettò dalla lingua una moneta di quelle antiche, che usavano i romani, facendogli segno con la testa di piegarsi per raccoglierla. Peppe si fece il segno della croce, non poteva crederci, perché quella moneta era d’oro. Il cinghiale, allora, andò nuovamente verso il fosso, scavò ancora per poi tornarsene nel bosco. L’uomo vide che aveva tirato fuori altre monete, le prese e da quel momento lui e il cinghiale divennero ottimi amici, tanto che l’animale ebbe un orto tutto per sé.

 

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter

Leave a Reply