Leggende in dialetto: La grotta. A’ grott’

A’ grott’

M’chel er nù pastor cà t’nia ott figl’ e ogni juorn avia vrè cum’ avia fa p’ l’ rà ra magnà. Ropp rà  uerr’ mancav tutt e certi vot a muglier’ l’ facia’h truvà n’tavul’ na mnestr’ ca er fatt’ chi cerz’ o chi scorz’ ri castagn’. I criatur’ tnienn’ semp fam’ e ogni tant’ avia’h accir’ p’ forz’ nà pecur p l’ fà jeng’h  a panz. Ma i pecur’ stav’n f’rnenn’ mò n’ er’n rumast’ nà quin’cen’ e stav’ arrvenn’ u’ viern. Nà ser’ mentr’ stav’n v’cin u fuoc p’ arrost’ roj’h patan’, s’ntenn’ tuzzulà. Er’ nù v’cchiariedd’, tutt’ muodd’, ca s’era pers’ e c’rcav’ nù post’ p’ s’ rparà, M’chel u fec’ trasì e l’ ress’ cà nu’ tnia’h post, ma s’ s’accuntndav’ putia’h rorm p’ n’derr, sop’ a nu poc’ r’ pagl’h, v’cin’ u’ fuoc. Intant’ l’ fec’ magnà i patan’ ca avienn mis’ sott’ a cen’r, mentr’ marit’ e muglier’ rumanienn’ r’sciun’. U v‘cchiariedd’ quas’ s’ m’ttia’h a chiang, po’ l’ ress’ cà ra quiddi part n’ger’ na grott do idd’ avia’h lassat’ certi cos, sul ca s’ s’ntia’h tropp rebbul’ e pr’ha’h a M’chel’  rì gì a recuperà. U’ cr’stian’ chiù o men’ sapia’h do jer’ stà grott e l’ fac’ segn’ r’ nun’z preoccupà ca avess aiutat’. U juorn’ appriess’, mentr’ u’ v’chhiariedd’ ancora rurmia’h, truva’h a grott’. Ropp poch metr s’ fec scur, allor appcc’ca’h na legn’ e sci’h nanz. Tnia’h paur’ r’ truvà nu lup o qualch’ cinghial e allor camm’nav’ chian chian. Fec ancunu metr’ e truva’h na codd bella chien, p’nza’h ca’ er a robb’ ru v’cchiariedd, sa car’ca’h sop’ a spadd e turna’h n’gas. Quann apri’h a port, truva’h sul a muglier. U cr’stian’ s’ n’era sciut e avia’h lassat ritt’ ca s’avienna tnè tutt’ quidd’ ca s’ truvav’ n’da codd, pcchè s’avienn’ cuncuot’ cum a un’ r’ n’gas. M’chel allor’ apri’h a codd e caccia’h rafor tanta robb’ r’ or. E ra quiddu mument’ nu suffrenn’ chiù a fam.

 

La grotta

Michele era un pastore che aveva otto figli e ogni giorno doveva arrangiarsi per farli mangiare. Nel dopoguerra mancava tutto e, spesso, la moglie gli faceva trovare in tavola una minestra fatta con le ghiande o con le bucce di castagne. I bambini avevano sempre fame e, di tanto in tanto, era costretto ad ammazzare una pecora per fargli riempire la pancia. Ma le pecore erano sempre meno, ne restavano una quindicina e stava arrivando l’inverno. Una sera, mentre stavano accanto al fuoco per arrostire due patate sentirono bussare alla porta. Era un vecchietto, tutto inzuppato, che si era perso e cercava un posto per ripararsi, Michele lo fece accomodare  e gli disse che non aveva posto, ma se si accontentava poteva dormire in terra, sopra un giaciglio di paglia, vicino al fuoco. Nel frattempo gli offrì le patate che avevano fatto cuocere sotto la cenere, mentre loro restavano  digiuni. Il vecchietto quasi si metteva a piangere, poi gli rivelò che tra quelle parti si trovava una grotta dove aveva abbandonato certe cose e che si sentiva troppo debole, quindi pregò Michele di andarle a recuperare. L’uomo sapeva dove poteva essere la grotta, facendogli un cenno per dire di non preoccuparsi, perché lo avrebbe aiutato. Il giorno dopo, mentre il vecchietto ancora dormiva, trovò la grotta. Dopo pochi metri divenne tutto buio, quindi accese una torcia con un legno e proseguì. Aveva paura di trovarsi faccia a faccia con un lupo o un cinghiale, quindi procedeva con lentezza. Fece qualche altro passo e trovò un sacco pieno, pensò dovesse essere la roba del vecchietto, se la mise sulle spalle e rientrò a casa. Quando aprì la porta, trovò solo sua moglie. Il vecchietto se ne era andato e aveva lasciato detto che dovevano tenersi tutto ciò che si trovava nel sacco, perché lo avevano accolto come uno di famiglia. Michele, allora, aprì il sacco e tirò fuori tante cose di oro. Così da quel momento non soffrirono più la fame.

 

 

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter

Leave a Reply