Storia della reliquia “Terra mixta cum sanguine Christi”. Parte Seconda

 

Terra e Sangue – parte seconda

 

Poi la lesse assumendo un’espressione seria e feroce. Alzò il braccio destro indicando il nazareno e senza indugio due soldati lasciarono lentamente scivolare le corde che sostenevano il palo e la fascia così da deporla sul terreno. Una dopo l’altra le persone iniziarono a scemare tra l’aria densa di ombre che avviluppava quel luogo, Giuseppe chiamò a sé due uomini che si portavano dietro una sorta di lettiga. Raggiunsero sotto un cielo scarlatto la sommità dell’altura mentre intense raffiche di vento trafiggevano l’aria occultando i lamenti e i pianti dei  congiunti. Schizzi di sangue e brandelli di carne si erano sedimentati sul legno e l’odore nauseante di morte si intrufolava nelle narici rendendo insopportabile la presenza tra quei corpi. Vegliarono le spoglie per qualche minuto, quindi con una tenaglia estrassero i chiodi dalle mani e dai piedi, sciogliendo poi i lacci ai polsi. Il sangue aveva inzaccherato anche il suolo circostante colorando di cremisi il terreno. Dal capannello delle donne, rimaste fino a quel momento a testa china, si levò una figura che attraversò rapidamente un varco lasciato dai soldati con l’intento di raggiungere la croce. In un momento, però, venne colpita alle gambe da un soldato accortosi di quell’incursione. Le ginocchia della donna si piegarono come trafitte da una lancia  procurandole un intenso dolore, si riversò sul terreno con un rumore sordo ma non perse la lucidità, prese un respiro allontanando la paura, riuscendo così in un attimo ad artigliare la terra mista a quel sangue ormai rappreso. L’uomo si preparò a sferrare un secondo colpo con un bastone ma la donna riuscì a rimettersi in piedi per ricongiungersi alle sue compagne. Una di esse le tese una pezzuola, allora la donna ci fece scivolare lentamente il contenuto custodito nella sua mano attenta a non sprecarne neppure un granello, quindi la sigillò con una stringa.  

 

Terza parte mercoledì 11 novembre 

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter

Leave a Reply