Leggende in dialetto: La pietra. “A’ pret'”

 

 

Mienz a’ na chiazz r’ nù pais, n’ger na chiappul’ tutta neur’ cà s’ v’ ria ra’ luntan’. I forestier’ ca v’nienn a fa suri’z’h s’ facienn curius e vulienn sapè p’cchè stà pret’ t’nia natu culor’, mentr l’ati chiappul’ ier’n tutt iangh. I paisan’ l’ ricienn’, allor’, r’ nun’g mett sop’ u’ per’ s’nò l’ succrienn’cos’ brutt. Pur’ u’ preut  s’ tnia luntan quann passav pa chiazz. I v’cchiariedd’ accuntav’n ca n’sciun s’arrcurdav’ quann avienn mis’ quedda chiappul’, ma tutt’ quant’ sapienn ca er’ na cos’ malign’ ca nu pastor’ avia truvat’ sott’ a na r’cen’ r’ pecur ca l’er’n mort’  mentr’ i’ stav cuv’rnenn’. Na femm’n ca faci’h a vangel’ s’avia sunnat’ u’ riavul’ ca r’ria’h p’cché s’ pigliav’ l’an’m r’ chì u’ sfidav e n’g’ passav’ chi pier’ sop. L’ut’m ca avia’h fatt’ u’ buon’ ier’ stat’ truvat’ magnat’ rì cinghial’ n’da nu fuoss. Na rumen’c, u’ vescuv’ manna’h n’esorcist’ p’ chiur’ sta stor’h. Quiss sci’h mienz a chiazz, pigliah’ nu scarpiedd e lua’h a chiappul’. A gent u’ uardav’ mentr’ l’ r’ci’h rà mett’ nata vot’ u post’, ma quiss nunn’ vulia’h sapè, piglia’h na’ codd’ e n’già  n’zcca’h raint’, ropp’ s’ r’tra’h n’da cas rù preut’. Passen’ i juorn ma i duj’h prieut nun’z vrienn pa vianov’, allor a qualcun l’venn’ nù brutt’ p’nzier’ pur p’cchè a chiappul’ er’ nata vot u’ post su’h, mienz’ a chiazz. Allor’ scenn n’gas’ rù preut p’ vrè ch’ facia’h, tuzzenn a’ port’ ma nunn’avenn urienz’. Chiamenn nù murator ca a’ sfunna’h e s’ truvenn’ nanz i duj’ uommn muort. Stav’n accruccat’ sop’ a’ tavul, chi brazz e chi gamm sp’zzat’. Muort mentr stav’n magnenn na m’nestr’. Ra allor u’ sin’ch’ n’g’ fec’ mett’ sop’ nà funtan accussì a gent’ nung’ avess’ chiù passat’ p’ sop’. A pret’ iè ancora dà e ra funtan’ nu scorr’ acq’.

 

In mezzo alla piazza di un paese si trovava una pietra tutta nera che si vedeva da lontano. I forestieri che giungevano per fare commissioni si facevano curiosi e volevano sapere il perché questa pietra era di un altro colore mentre tutte le altre risultavano bianche. I paesani raccomandavano, allora, di non metterci sopra il piede altrimenti sarebbero capitate cose brutte. Anche il prete si teneva lontano quando attraversava quella piazza. I vecchietti raccontavano che nessuno ricordava quando quella pietra fosse stata posta, ma tutti sapevano che rappresentava un qualcosa di maligno che un pastore aveva trovato sotto un decina di pecore che erano morte mentre le stava accudendo. Una donna che praticava il rito dell’affascino aveva sognato il diavolo che rideva perché si prendeva l’anima di chi, passandoci coi piedi sopra, lo sfidava. L’ultimo che lo aveva provocato era stato trovato in un fosso mangiato dai cinghiali. Una domenica il vescovo inviò un esorcista per mettere fine a quella storia. Questi si portò in mezzo alla piazza, e con uno scalpello sollevò la pietra. La gente lo osservava mentre gli intimava di metterla nuovamente al suo posto, ma l’uomo non ne volle sapere, prese un sacco e la infilò dentro, poi si recò presso l’abitazione del prete. Trascorsero i giorni ed entrambi i sacerdoti non si vedevano per strada, qualcuno fece dei brutti pensieri anche perché la pietra era nuovamente al suo posto: in mezzo alla piazza. Decisero di andare a casa del prete e bussarono alla sua porta per sincerarsi che stesse bene, ma nessuno rispose. Chiamarono un muratore che la sfondò e si trovarono davanti i due uomini, ormai morti. Se ne stavano piegati sul tavolo, con le braccia e le gambe spezzate. Morti mentre mangiavano una minestra. Da allora il sindaco ci fece mettere sopra una fontana in modo che le persone non ci avrebbero più messo sopra i piedi. La pietra è ancora là sotto ma dalla fontana non scorre acqua.  

 

 

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter

Leave a Reply