Leggende in dialetto: Il Morto. “U’muort”.

 

Angluzz ier muort n’dù suonn nà nott r’ viern. Ier’ ancor giov’n e p’nzav r’ campà tant’ann . Na ser’, a figl’, mentr m’ttia’h a post a robba sua, s’ s’nti’h r’ chiamà rà stanz u’ lat’, s’afaccia’h ma nù truva’h a n’sciun. S’mbrav a voc’ r’ attan’ ma p’nza’h ca s’avia’h sbagliat’. Passenn’ i mis’ e tutt’ u’ pais’ s’mbrav ca s’er scurdat’ r’ Angluzz’. Arr’va’h a stagion’ e vnenn’ pur’ i paisan’ ca fat’hav’n ù nord. Nù pomerigg’ marit’ e muglier’ cà ier’n emigrat’ e stav’n turnenn’ u pais ropp ca avienn’ fatt’ a’ spes’, truvenn nù cr’stian sop’a vi’h cà l’ c’rca’h nù passagg’ vers u’ pais. Allor u fec’r n’ghianà raint’ a mach’n e s’avvienn’. Arr’vat vers’ u’ campsant, u’ cr’stian l’ ress cà vulia’h scenn. Allor’ s’ salutenn e quiss’ piglia’h a vi’h vers’ u’ canciedd’. Ropp’ nù par’ r’ iuorn, a muglier’ v’ri’h n’dù v’cnanz nù cart’llon’ r’ muort tutt’ cunzumat’ mis’ sop’ a nù mur’. S’avv’c’na’h e quas’ l’ piglia’h nù coccolon’. Er’ l’omm’n cà l’avia’h c’rcat’ u passagg’. Lù ress’ u marit e quiss’ sbianca’h pà paur’. Po’ accuntenn’ stà stori’h’ n’dù pais e tutt’ s’arr’curdenn’ r’ Angluzz’.
Angeluzzo era morto nel sonno una notte d’inverno. Ancora giovane, pensava di vivere per tanti anni. Una sera la figlia, mentre riordinava la sua roba, si sentì chiamare dalla stanza a fianco, si affacciò ma non vide nessuno. Sembrava la voce del papà ma credette di essersi sbagliata. Trascorsero i mesi e tutto il paese sembrava essersi dimenticato di Angeluzzo. Giunse l’estate e fecero ritorno i paesani che lavoravano al nord. Un pomeriggio, marito e moglie che erano emigrati e stavano rientrando nel borgo dopo la spesa, trovarono un uomo sulla strada che gli chiese un passaggio verso il paese. Lo fecero salire in auto e si avviarono. Giunti dalle parti del camposanto, l’uomo disse loro di voler scendere, quindi si salutarono mentre si avviava verso il cancello. Dopo un paio di giorni, la moglie vide un manifesto funebre nel vicinato, consumato dalle intemperie, sopra un muro. Si avvicinò e quasi svenne. Era la foto dell’uomo che aveva chiesto il passaggio. Lo disse al marito che sbiancò dalla paura. In seguito raccontarono questa storia nel paese e tutti si ricordarono di Angeluzzo.

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter

Leave a Reply