Leggende in dialetto: Ciccio il Viggianese. “Cicc’ u’ V’ggianes'”

Na femm’n cà avia’h pers u marit, stav cù rui criatur’, Frungill’ e Mincuzz, ‘ndà na cas’ menza carut’, ier’n assai pov’r e nù magnav’n rà tanta juorn. P’ nun’c p’nzà, i criatur’ s’assttav’n nanz a port e s’ sunnavn r’ magnà u cas, i patan e cos’ roc. Nù juorn, mentr sciucav’n arrva’h nù v’cchiariedd ca t’nia nà chitarr’ e nù flaut’, sop’ i spadd’ purtav’ nà codd assai’h grann. L’ ress ca s’ chiamav’ Cicc’ e ier’ amic’ ra’ ttan’ e v’nia rà V’ggian, u pais’ rà mus’ca’h. A chitarr’ e u flaut’ l’ern’ stat rialat’ prop’r ra’ ttan’ e idd’ mò ier’ dà pì aiutà. Allor’ caccia’h rà dà codd nù piezz r’ pan e na tort’ cù l’ov, lì m’tti’h man’ a mamm, po’ accumncia’h a sunà. I’ criatur’ rumanenn’ n’cantat’ rà mus’ca’h e Cicc’ l’ ress ca avess’ m’barat’ a sunà e cà ra quiddu mument’ avess’r g’rat’ u’ munn’  p’ purtà gioi’h a tutt’ a gent, cà p’ sent quiddi not, avess’r paha’t buon e ch’ nunn’ avess’r chiù soffert’ a fam’. Po’ s’ n’ turna’h n’gas e a mamm e i   criatur’, finalment’, putenn’ magnà.   

Una vedova abitava coi suoi due bambini, Frungillo e Mincuzzo, in una casa che cadeva in pezzi, erano molto poveri e non mangiavano da molti giorni. Per non pensarci, i bambini stavano seduti davanti alla porta, sognando di assaporare formaggio, patate, e dolci. Un giorno, mentre giocavano, giunse un vecchietto che portava con sé una chitarra e un flauto, sulle spalle un sacco molto grande. Disse che si chiamava Ciccio, era amico del padre e veniva da Viggiano, il paese della musica. La chitarra e il flauto gli erano stati regalati proprio dal loro  padre e lui si trovava lì proprio per aiutarli. Quindi tolse dal sacco un pezzo di pane e una torta con delle uova, porgendoli alla mamma, poi iniziò a suonare.I bambini rimasero incantati dalla musica, Ciccio disse loro che gli avrebbe insegnato a suonare e da quel momento potevano girare il mondo per portare gioia a tutte le persone, che per sentire quelle note, li avrebbero ricompensati bene,così da non soffrire più la fame. Poi se ne tornò a casa così la mamma e i bambini poterono finalmente mangiare. 

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter

Leave a Reply