Leggende in dialetto: Il Ragazzo col cavallo bianco “U’ uagluinciedd’ cù cavadd’ iangh

 

Nu pruf’ssor’ r’ frances’ tutt’  i’ juorn, p’ arr’và n’du pais n’do facia’h  a scol’,  pigliav a via r nà muntagn. Nun’z vria’h mai nsciun, e tanta vot, s’appaurav’, s foss succies’ qualcos’ s’avess vist’ neur’. Nà ser r’ viern, mentr s’ n’ stav  turnenn n’gas’ accum’ncia’h a chiov’ e pò s’ auza’h na negl’h ca s’ putìa taglià cù nù curtiedd. Mnav’ l’acq a sicch’, s’era fatt scur nù mument e a muntagn mittia’h paur.  Dret’ a na curv, ammucciat’ ra n’alb’r si truva’h nan’z a l’uocch’ nù uagliunciedd sop’a nù cavadd’ iang. Era muodd cum a nù pulucin e u uardav curius. P’ furtun gira’h u sterz a l’utm mument e nunn’ì mtti’h sott. Ropp poch metr’ s’ frma’h p’ vrè s u uaglion stav’ buon ma n’anz a l’uocch’ soj’h n’ger’ sul’ u’ scur. U juorn appriess s’ frma’h a magnà n’dà na zian’ cà stav vcin’ a scol. L’accunta’h u fatt e a crstian’ l’ ress’ ca avia vist u spir’t r’ nu criatur muort tant’ann prim. Nu camion avia mis sott cu cavadd’ mentr’ er’ sop’ a vianov. Ropp stì parol, ù pruf’ssor’ nù’ fec chiù quedda via. Ogn tant s’ sent r’ qualcun ca ha vist u uaglion.

 

 

Un professore di francese, tutti i giorni, per raggiungere il borgo dove insegnava, attraversava le strade di una montagna. In giro non c’era mai nessuno e, spesso, aveva paura perché se fosse accaduto qualcosa se la sarebbe vista brutta. Una sera d’inverno, mentre stava rientrando a casa, iniziò a piovere e si alzò una nebbia talmente fitta che si poteva tagliare con un coltello. Pioveva a secchiate, si era fatto buio in un attimo e la montagna faceva paura. Dietro a una curva, nascosto dagli alberi, si trovò davanti un ragazzino che montava un cavallo bianco. Era bagnato come un pulcino e lo guardava con curiosità. Fece in tempo a sterzare per non investirlo. Dopo pochi metri si fermò per vedere se il ragazzo stava bene ma davanti a sé aveva solo il buio.  Il giorno dopo il professore si fermò a pranzo da una zia che abitava vicino alla scuola. Gli raccontò dell’accaduto e la donna gli disse che aveva visto il fantasma di un ragazzo morto diversi anni prima investito, insieme al suo cavallo, da un camion, mentre era sulla strada. Dopo queste parole, il professore non fece più quella strada. Di tanto in tanto qualcuno ancora vede il ragazzo col cavallo bianco.

 

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter

Leave a Reply