L’Arciere

 

Quando l’arciere

scocca la freccia

il cuore si lacera

pieno d’affanno.

Si chiede il perché ha ucciso

in quel triste autunno

il perché si è tradito

scagliandola nel vuoto.

Se la viltà

sia il peso del dolore

se il coraggio

una pallida fiamma

che illumina le tenebre

che affretta l’agonia

che uccide lentamente

lasciandosi una scia.

E l’arciere

perduto e solo

aspetta la notte

e le voci dell’autunno

che viva o che muoia

non fa differenza

ormai la battaglia è sepolta

e giace nella sua coscienza.

Le grida si perdono nel vento

e rattristato attende il momento

nella penombra dell’esistenza

sperando nella sopravvivenza

ma il gelo della notte

si cela dentro l’anima

sfidando la sorte

e deridendo la morte.

Le grida si perdono nel vento…

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter

Leave a Reply