Carmine l’indomabile

Carmine fu il più temuto brigante dell’Ottocento, a capo di un esercito di oltre mille ribelli che nessun generale piemontese sapeva domare. Affrontò, fin da giovane, le difficoltà di una vita fatta di miserie a soprusi che ne plasmarono il carattere duro e rabbioso. Un giorno, quando era bambino, il cane di un signorotto locale era entrato nella sua stamberga e aveva ammazzato un coniglio. Un suo fratello, per strapparglielo di bocca, lo colpì con  una bastonata, uccidendolo. Il signore incolpò la madre, picchiandola con tale violenza  da farla abortire e lasciarla per sempre inferma.Di lì a poco il signore fu ferito da un colpo di fucile. Il tribunale ne ritenne colpevole il marito della donna, condannandolo ai lavori forzati. Solo dopo due anni e mezzo, un vecchio rivelò in punto di morte di esser stato lui l’autore del tentato omicidio. Il padre fu libero, mentre la madre, nel frattempo, era impazzita. Disertò da soldato, nascondendosi nei boschi. Catturato, venne condannato a diciannove anni di reclusione da scontare nel carcere di Brindisi da dove evase. Partecipò all’insurrezione di Potenza e si mise al servizio di Garibaldi, convinto di ottenere la grazia. Ma non andò così. Invece dell’ amnistia, ricevette una nuova condanna.Riuscì a evadere nuovamente riprendendo le sue scorribande alla testa di una banda che ingrossava le sue fila  a vista d’occhio. Le fanfare lo accoglievano nei borghi e i preti gli aprivano le chiesa. Indomito e inafferrabile, occupò tantissimi paesi. Soltanto il tradimento di un suo compagno d’armi, Giuseppe Caruso, riuscì a sconfiggerlo. Perse tutto in una in una cruenta battaglia sull’Ofanto, quindi, sciolse le sue bande e si rifugiò nello Stato Pontificio, Ma venne subito incarcerato e, nel 1870, consegnato alle autorità italiane. A Potenza viene condannato a morte con sentenza dell’11 settembre 1872, mutata poco dopo in quella di lavori forzati a vita.

 

Puoi ascoltare la storia di Carmine Crocco qui: https://www.spreaker.com/show/carmine-lindomabile

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter

Leave a Reply